Prosegue nel 2015 il trend di crescita del Gruppo Fedrigoni

I Ricavi consolidati delle vendite sono stati pari a 977 milioni di euro, in aumento di circa 104 milioni di euro pari al 11,9% rispetto a 873 milioni di euro registrati nel 2014, per effetto sia della crescita organica generata dall’aumento dei volumi di vendita, sia per effetto delle operazioni di acquisizione di GPA – Gummed Papers of America (Usa) e della società brasiliana, oggi Fedrigoni Brasil Papeis Ltda.

«Nel corso del 2015, il Gruppo ha saputo consolidare ulteriormente la propria leadership sui mercati internazionali – dove oggi realizza circa il 67% del fatturato – attraverso due importanti operazioni di acquisizione nel continente americano. La prima negli Stati Uniti (GPA), grazie alla quale siamo entrati in maniera forte e diretta nel mercato americano della distribuzione di supporti per la stampa digitale, un mercato ad altissimo potenziale di crescita ulteriore. La seconda acquisizione in Brasile (Arjo Wiggins), grazie alla quale il Gruppo è oggi il maggior produttore di carte speciali e cartamoneta in tutto il Sud America » ha dichiarato il Presidente, Alessandro Fedrigoni.

«I risultati 2015 testimoniano la capacità di competere in settori ad alto valore aggiunto e redditività, settori in cui viene premiata l’eccellenza tecnologica e la capacità di innovazione del Gruppo Fedrigoni grazie anche al team di ricerca e sviluppo interno» ha dichiarato l’Amministratore delegato, Claudio Alfonsi che prosegue: «nei primi mesi del 2016 abbiamo già ottenuto importanti risultati che ci consentono di proiettare per il 2016 un fatturato previsto a budget di quasi 1,1 miliardi di euro in crescita del 12% circa, un Ebitda di circa 146 milioni di euro in aumento del 21% e  un utile netto a oltre 70 milioni pari ad un incremento superiore al 22% rispetto al 2015».